Live a Milano – Aprile 2017

IMG_5200

Rock’n’Roll, Milano, zona stazione Centrale

Milano secerne bei concerti come non mai e bisogna anche darsi una mossa a comprare i biglietti. Ma nonostante qualche sold out di troppo, la lista di serate disponibili è ancora ben nutrita. Ecco la solita selezione di sei. Ci vediamo in giro.


Stranded Horse feat. Boubacar Cissokho – Lunedì 3, Gattò

Dalla Normandia, suonatori di kora (strumento un po’ arpa e un po’ liuto), indie etnico peace & love


Woods – Martedì 4, Serraglio

Brooklynesi veraci, psych rock fusion, perfetti per prati in primavera senza addormentarsi


Sinkane – Venerdì 7, Biko

Londinese con sangue sudanese, se si dice melting pot contemporaneo, dancefloor


Yamanaka Electric Female Trio – Giovedì 13, Blue Note

Jazz scapigliato, nippo girl power, stiamo concentrati


Ofeliadorme – Venerdì 14, Linoleum

Da Bologna, neo trip-hop, se ci andate con lui/lei portatevi lo spazzolino per il giorno dopo


Angela Baraldi + Paolo Benvegnù –  Venerdì 21, Serraglio

Ieri oggi domani, anime rock, a braccetto con gli amici del cuore


 

Non devo dirvi niente

 

6

Il titolo ‘6 canzoni prima di colazione’ ora è ufficiale, si può trovare in rete, spero, digitando la sua forma breve ‘6 canzoni’. Non è una gran notizia ma chi mi conosce sa che questo spazio è l’unica creatura vivente con cui ho intenzioni serie. Già che ne sto parlando, approfitto per dire a cosa si riferisce il titolo, visto che non l’ho ancora fatto (tranne una volta sul blog di Piano C).

Alice rise: «È inutile che ci provi», disse, «non si può credere a una cosa impossibile.»
«Oserei dire che non ti sei allenata molto» ribatté la Regina. «Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz’ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione.»
(Lewis Carroll, Attraverso lo specchio, Capitolo V)

Canzoni che non sono altro che cose che rendono possibile l’impossibile. Le ascolti e ti cambia l’umore o ti fanno capire o ti fanno disperare o ti fanno decidere o non ti fanno pensare o ti fanno ricordare come se stesse accadendo tutto di nuovo. Poi, come al solito, a buon intenditor poche parole. O per citare anche i messaggi di mia sorella quando non prendo le sue telefonate: non dovevo dirvi niente.

Vorrei un amante moderno

ce103dbdfbbd4d25bd3a5743d03cd54c

Jonathan Richman, foto qui

Ho il sogno che un bel giorno mi si palesi uno che dica ‘Ciao, io sono uno normale. Normale… diciamo uno come te’. Si tratterebbe di un caso di doppio sogno che si realizza perché uno così in realtà sarebbe un vero fuoriclasse. Ciò che mi dà speranza è sapere che non è affatto un’utopia, Jonathan Richman ha fatto davvero una cosa simile. Nel mezzo degli anni settanta, tra fattoni capelloni lui si presentava pulito e precisino dalla tizia che gli piaceva e con un sorriso totalmente fuori luogo le diceva Lascia stare quel fricchettone di Johnny e scegli me che non mi faccio neanche la camomilla. Aveva il modo di fare goffo da nerd, in anticipo sulla filosofia straight edge, sulle tendenze lo-fi che si sarebbero diffuse un paio di decenni più tardi, come di certi atteggiamenti da perdente di Beck, o ancora più in là nel tempo dell’ingenuità da porta accanto di Jens Lekman.



Ovviamente la sfiga vera dalle parti di Richman non si vedeva neanche con il cannocchiale. C’erano invece ironia e leggerezza e una visionarietà acuta che il fondatore dei Modern Lovers ha avuto sin dagli esordi e si è portato dietro nella carriera da solista. I’m Straight si trova nel primo album omonimo dei Modern, nato come una raccolta di demo registrati nel 1972 e uscito poi nel 1976. La produzione di John Cale si sente. Richman, che allora era un pischello 21enne che scoppiava di salute, aveva consumato la musica dei Velvet Underground e ne sbandierava l’influenza ma con la ragguardevole differenza che il suo mondo era a colori e non in un claustrofobico bianco e nero. Più simile a Mirko dei Bee Hive che a Lou Reed. Roadrunner è una dichiarazione d’amore per la vita: I’m in love with the modern world.



Canzone dopo canzone l’album delinea il profilo del punk garbato e romantico, il rocker gentiluomo, desiderio del 50 per cento delle femmine del pianeta (l’altro 50 forse neanche desidera ma prende ciò che capita). Gli amanti moderni secondo i Modern Lovers non si prendono sul serio, ridono quando c’è da ridere piangono quando c’è da piangere e ti dicono quello che pensano, rischiando di sembrare idioti. I go to bakeries all day long / There is a lackness of sweetness in my life. Perché gli amanti moderni non hanno filtri e mangiano per davvero.