The Best Is Yet to Come 2018

 

FullSizeRender

4 amici e una chitarra

 

A dieci giorni da Natale, ammalarsi è già un regalo. Sto in casa con quattro amici e una chitarra ad assemblare la playlist di fine anno 2018. Alcune scoperte e delle conferme, cose da ascoltare per dilatare il tempo e rallentare il ritmo. Certo manca il meglio ma quello, prima o poi, arriverà. Buon ascolto.



 

Live a Milano – Settembre 2018

0

Chiosco di Pippo, Palestro


A Place to Bury Strangers – Giovedì 6, Magnolia

Dark noise, da New York, freschi di quinto album


Mercury Rev – Mercoledì 12, Serraglio

Dream pop della prima ora, se vi piacciono Spiritualized e Flaming Lips, con lui/lei


Pere Ubu – Giovedì 13, Santeria Social Club

Dagli anni 70, rivoluzionari, imperdibili


Jonathan Wilson – Domenica 16, Santeria Social Club

Folk Rock, tipo bazzico Laurel Canyon (quartiere di LA – come Joni Mitchell, Crosby, Stills Nash e Young, i Doors…), album: Gentle Spirit


I want to like you but I find it difficult (Monolake Live Surround, Burnt Friedman, Joy Orbison, Baby Vulture, Craig Richards) – Venerdì 28, Fondazione Prada

Line up di 5 artisti, sperimentale-elettronica, della serie mi si nota di più se vado


Tash Sultana – Sabato 29, Fabrique

Dalla Nuova Zelanda, giovanissima eppure navigatissima, bravissima

Live a Milano – Maggio 2018

FullSizeRender

La vera musica è tra le note – metro lilla, Milano


Sons of Kemet – Giovedì 10, Biko

Londinesi, postcolonialisti, afrojazz


Cosmo Sheldrake – Giovedì 10, Serraglio

Allegrotto, elettronico, inglese


Tulipa Ruiz – Venerdì 11, Biko

Dal Brasile, sperimentatrice, bella voce


Black Milk – Sabato 12, Biko

Da Detroit, cento per cento black, una botta di energia


Be a Bear – Lunedì 14, Gattò

Da Bologna, ha fatto un album intero con l’iphone, giusto una capatina


Bryde,Martedì 15, Serraglio

Indissima, da Londra, con lui per imboscarsi

Live a Milano – Febbraio 2018

 

FullSizeRender-3

Frank Zappa al Laghetto di Redecesio, Segrate, secondo Tanino Liberatore


Iron & Wine – Lunedì 5, Alcatraz

Indie folk, rilassato, deriva da un integratore dietetico contenente ‘Beef, Iron and Wine’


Bob Corn – Venerdì 9 – La Scighera

Aka Tiziano Sgarbi, folk, presenta anche il suo corto ‘Inagibile’ (sul post sisma in Emilia)


Son Lux – Lunedì 12, Magnolia

Raffinati, il cantante Ryan Lott è in una band con Sufjan Stevens, da studiare


Belle & Sebastian – Martedì 13, Fabrique

Dei classici, da Glasgow, tra chamber pop e twee


Vök – Lunedì 19, Serraglio

Dall’Islanda, se siete da Haelos e The XX , trip-Pop


Fever Ray – Martedì 20 – Fabrique

Karin Dreijer Andersson dei Knife, un filo angosciante, ma anche elettrizzante

The Best is Yet to Come – Una playlist dal 2017

FullSizeRender-1

17 x 17 x 1 ora e 7 minuti: una playlist di canzoni uscite nell’anno appena andato. Qualcosa di bello, perché invece il meglio deve ancora venire. A buoni intenditori poche parole…

 

6 canzoni a Mare

 

P1260677

Arrivata alla soglia degli 80 Elza Soares può ben dire di avere vissuto come in una telenovela, di quelle che ti incollano allo schermo ma di cui si salterebbero volentieri alcuni episodi. Esplosiva signora della musica popolare brasiliana, è una che mai l’ha mandata a dire. Così anche nell’album che ha pubblicato circa un paio di anni fa, dove circolano ancora vibrazioni da pelle d’oca. In apertura i versi della poesia Coração do Mar, scritta dal poeta modernista Oswald de Andrade, spesso citato anche dal movimento tropicalista, ci immergono in acque torbide. Si parla delle navi negriere del colonialismo che hanno macchiato di sangue il mare, terra che unisce e divide, che nessuno davvero conosce.

Questo breve viaggio è per dire che mentre preparo il laboratorio sulla comunicazione nei blog musicali per Mare culturale urbano sto pensando ai tanti volti del portentoso elemento della natura. Personalmente mi rivedo intabarrata in una orribile giacca a vento gialla, permeabilissima, quando da ragazzina mi andavo a leccare le prime di una lunga serie di ferite amorose a casa di mia nonna, in un paese sulla costa adriatica. Scrutando l’orizzonte avrei giurato che la fine del mondo era lì a cento metri di distanza. Da quell’istantanea in poi le immagini si moltiplicano e per fortuna si rallegrano anche. Alcune di queste fanno da scenario alle 6 canzoni della piccola playlist a Mare, una colonna sonora per tutti noi navigatori che, anche grazie alla musica, speriamo che presto arrivi  quel momento in cui saremo di nuovo felicemente disorientati.


Sea of Love – Robert Plant e The Honeydrippers

Una canzone del 1959 tra le più coverizzate dal firmamento musicale – anche da Cat Power per la colonna sonora del film Juno –  che ha trasformato Robert Plant nel crooner di Ibiza.

 


Me on the Beach – Nagisa Ni Te

I Nagisa Ni Te non avranno cambiato la storia del rock ma con il loro nome (e l’album omonimo) che in inglese si traduce Me, on the beach, hanno sognato e omaggiato Neil Young. E si sono fatti cantare anche da Jens Lekman.


La mer – Julio Iglesias

Il grande classico di Charles Trenet nella versione Love Boat del pirata di tutti i mari sexy: Julio Iglesias.


Ocean Songs – Dirty Three

Qui c’è la magia di un intero concept album, creato dal trio australiano, datato 1998, prodotto da Steve Albini. Una specie di rock da camera dove il violino di Warren Ellis ci guida come una sirena in esplorazione dei (nostri) fondali.


Dolphins – Fred Neil

Canzone incredibile. Strano pensare a Fred Neil soprattutto per Everybody’s Talkin dal film Un uomo da marciapiede quando si apprende che il suo amore per i delfini era molto più grande. Negli anni settanta ha abbandonato le scene proprio per dedicarsi alla salvaguardia degli animali e ha contribuito anche alla fondazione del Dolphin Project.


Domenica – Lucio Leoni

Sento il bisogno di giullari come Lucio Leoni che sappiano fare la rivoluzione anche in una pigra domenica al mare. Mettici, poi, che da romana qualche namo e famo mi scappa sempre.

Non devo dirvi niente

 

6

Il titolo ‘6 canzoni prima di colazione’ ora è ufficiale, si può trovare in rete, spero, digitando la sua forma breve ‘6 canzoni’. Non è una gran notizia ma chi mi conosce sa che questo spazio è l’unica creatura vivente con cui ho intenzioni serie. Già che ne sto parlando, approfitto per dire a cosa si riferisce il titolo, visto che non l’ho ancora fatto (tranne una volta sul blog di Piano C).

Alice rise: «È inutile che ci provi», disse, «non si può credere a una cosa impossibile.»
«Oserei dire che non ti sei allenata molto» ribatté la Regina. «Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz’ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione.»
(Lewis Carroll, Attraverso lo specchio, Capitolo V)

Canzoni che non sono altro che cose che rendono possibile l’impossibile. Le ascolti e ti cambia l’umore o ti fanno capire o ti fanno disperare o ti fanno decidere o non ti fanno pensare o ti fanno ricordare come se stesse accadendo tutto di nuovo. Poi, come al solito, a buon intenditor poche parole. O per citare anche i messaggi di mia sorella quando non prendo le sue telefonate: non dovevo dirvi niente.