Live a Milano – Aprile 2018

Restiamo vivi a Milano: sarà pure Aprile ma c’è poco da dormire. Ecco la selezione della solita cricca di 6 concerti.


FullSizeRender


Imarhan – Mercoledì 4, Ohibò

Dall’Algeria, psych-tuareg, se vi piacciono i Tinariwen


Bud Spencer Blues Explosion – Giovedì 5, Santeria

Analogici, rock blues, da Roma


L.A. Witch – Sabato 7, Ohibò

Tre belle streghette da Los Angeles, riverberose, goth garage


Erlend Øye – Martedì 10, Santeria

Un King of Convenience, simpatico, arioso


Shout Out Louds – Domenica 22, Ohibò

Indie pop, dalla Svezia, 15 anni di carriera


Metz – Lunedì 23, Magnolia

Dal Canada, post hardcore, prodotti da Steve Albini

Live a Milano – Marzo 2018

IMG_0767

Double Sided Octet al Garage Moulinski 

Come bonus ai 6 concerti aggiungo Slowdive domenica 4 e i Suuns venerdì 30. Buona primavera!


Bilal – Venerdì 2, Biko

Nu soul, ha collaborato con Robert Glasper e Kendrick Lamar, sexy groove


The Pains of Being Pure at Heart – Lunedì 5, Magnolia

Da New York, indie pop, belli freschi


Lee Ranaldo – Mercoledì 7, Magnolia

Classicone, dai Sonic Youth, almeno per dovere


Stella Maris – Sabato 10, Ohibò

Supergruppo, italiani, rassicuranti


Man Forever – Lunedì 12, Santeria Social Club

Sperimentazione e percussioni, ideazione di John Colpitts (batterista per Laurie Anderson), gratis


Phoenix – 20, Fabrique

Francesi, piacionissimi, ballabili

 

Live a Milano – Gennaio 2018

FullSizeRender-2

San Silvester Konzert, Milano sud


Colapesce – Giovedì 11, Santeria Social Club

Classico indie pop italiano, dalla Sicilia, limoni a pioggia


Omar Souleyman – Venerdì 12, Circolo Magnolia

Electro dabke, dalla Siria, per festival-matrimoni-trance


The Heliocentrics – Sabato 13, Biko Club

Collettivo UK di persone e di suoni, dall’ethio jazz al noise, sensuali

 


Blind Butcher – Lunedì 15, Gattò Milano

Da Lucerna, psich-kraut-rock, perché no


Cesare Malfatti + Jørgen Thorvald – Sabato 20, CSOA COX18

Dai La Crus all’elettronica, da Milano a paesaggi post industriali, per spaziare


Musica nel tennis – Sabato 20 e Sabato 27, Villa Necchi Campiglio

Una novità della classica, pomeridiana, il biglietto include visita della villa

quartettomilano_04_necchi_giorgio_majno

 

The Best is Yet to Come – Una playlist dal 2017

FullSizeRender-1

17 x 17 x 1 ora e 7 minuti: una playlist di canzoni uscite nell’anno appena andato. Qualcosa di bello, perché invece il meglio deve ancora venire. A buoni intenditori poche parole…

 

Live a Milano – Novembre 2017

FullSizeRender

Palazzo Litta Cultura

Novembre avvampante e proponente due festival generosi: Jazz Mi e Linecheck (all’interno della Milano Music Week). Stavolta in particolare mi duole lasciare fuori dai soliti 6: Mulatu Astatke, Nick Cave, Lamb, Spoon, Fleet Foxes, Sun Ra Arkestra, Bill Frisell, Chilly Gonzales, The War on Drugs, Perfume Genius, Little Dragon.


Fink – Mercoledì 1, Magnolia

DJ dalla Ninja Tune, raffinato, trasversale


A Place to Bury Strangers – Sabato 4, Serraglio

Dark noise, americani, decennale dell’album di esordio quest’anno


Father John Misty (+ Weyes Blood) – Giovedì 16, Fabrique

Belloccio, molto anche troppo di moda, indie pop (+ belloccia, bella voce, molto forse troppo vintage)


Iosonouncane – Venerdì 24, Linecheck Festival, Base

Prog pop, materico, isolano


Thundercat – Sabato 25, Linecheck Festival, Base

Bassista, miscela black, nella playlist ‘piacionismi’ di livello


King Krule – Martedì 28, Magazzini Generali

Irriverente, un po’ depresso, molto personaggio

Live a Milano – Ottobre 2017

 

 

Meglio tardi che mai! L’ottobrata a Milano più che in gradi si misura in decibel e si manifesta a suon di appuntamenti musicali. (Tra gli altri, a questo giro sono rimasti fuori quelli con The Dream Syndicate e Mogwai).

FullSizeRender

casa, ottobre 2017


Timber Timbre – Martedì 3, La Salumeria della Musica

Canadesi, decennali o poco più, Lynchiani


Cody ChesnuTT – Venerdì 6, Biko

Nu Soul, afro funk, al terzo album


August Child – Lunedì 9, Gattò

Child di nome e di fatto, made in UK, intimissimo

https://soundcloud.com/augustchildofficial


Goldfrapp – Giovedì 26, Fabrique

Un duo ormai classico ma elettronico, da Londra, l’ultimo video si fa notare


Madness – Sabato 28, Live Club Trezzo sull’Adda

La storia del 2 tone ska, con un album del 2016, che altro?


Mammút – Domenica 29, Serraglio

Islandesi, Bjorkiani solo a tratti, art pop

 

 

 

6 canzoni a Mare

 

P1260677

Arrivata alla soglia degli 80 Elza Soares può ben dire di avere vissuto come in una telenovela, di quelle che ti incollano allo schermo ma di cui si salterebbero volentieri alcuni episodi. Esplosiva signora della musica popolare brasiliana, è una che mai l’ha mandata a dire. Così anche nell’album che ha pubblicato circa un paio di anni fa, dove circolano ancora vibrazioni da pelle d’oca. In apertura i versi della poesia Coração do Mar, scritta dal poeta modernista Oswald de Andrade, spesso citato anche dal movimento tropicalista, ci immergono in acque torbide. Si parla delle navi negriere del colonialismo che hanno macchiato di sangue il mare, terra che unisce e divide, che nessuno davvero conosce.

Questo breve viaggio è per dire che mentre preparo il laboratorio sulla comunicazione nei blog musicali per Mare culturale urbano sto pensando ai tanti volti del portentoso elemento della natura. Personalmente mi rivedo intabarrata in una orribile giacca a vento gialla, permeabilissima, quando da ragazzina mi andavo a leccare le prime di una lunga serie di ferite amorose a casa di mia nonna, in un paese sulla costa adriatica. Scrutando l’orizzonte avrei giurato che la fine del mondo era lì a cento metri di distanza. Da quell’istantanea in poi le immagini si moltiplicano e per fortuna si rallegrano anche. Alcune di queste fanno da scenario alle 6 canzoni della piccola playlist a Mare, una colonna sonora per tutti noi navigatori che, anche grazie alla musica, speriamo che presto arrivi  quel momento in cui saremo di nuovo felicemente disorientati.


Sea of Love – Robert Plant e The Honeydrippers

Una canzone del 1959 tra le più coverizzate dal firmamento musicale – anche da Cat Power per la colonna sonora del film Juno –  che ha trasformato Robert Plant nel crooner di Ibiza.

 


Me on the Beach – Nagisa Ni Te

I Nagisa Ni Te non avranno cambiato la storia del rock ma con il loro nome (e l’album omonimo) che in inglese si traduce Me, on the beach, hanno sognato e omaggiato Neil Young. E si sono fatti cantare anche da Jens Lekman.


La mer – Julio Iglesias

Il grande classico di Charles Trenet nella versione Love Boat del pirata di tutti i mari sexy: Julio Iglesias.


Ocean Songs – Dirty Three

Qui c’è la magia di un intero concept album, creato dal trio australiano, datato 1998, prodotto da Steve Albini. Una specie di rock da camera dove il violino di Warren Ellis ci guida come una sirena in esplorazione dei (nostri) fondali.


Dolphins – Fred Neil

Canzone incredibile. Strano pensare a Fred Neil soprattutto per Everybody’s Talkin dal film Un uomo da marciapiede quando si apprende che il suo amore per i delfini era molto più grande. Negli anni settanta ha abbandonato le scene proprio per dedicarsi alla salvaguardia degli animali e ha contribuito anche alla fondazione del Dolphin Project.


Domenica – Lucio Leoni

Sento il bisogno di giullari come Lucio Leoni che sappiano fare la rivoluzione anche in una pigra domenica al mare. Mettici, poi, che da romana qualche namo e famo mi scappa sempre.